martedì 15 novembre 2016

Benvenuto port!

Ieri intervento di posizionamento del famoso port, l'arnese sottocutaneo che tutti hanno millantato essere "la cosa migliore da fare per rendere più semplice e veloce la somministrazione delle terapie". Insomma, non posso certo dirvi che l'intervento ed il post-operatorio non siano dolorosi. Nel mio caso, la fase di inserimento della sonda è stata più lunga e fastidiosa del previsto, poiché la mia vena succlavia era "così bella e resistente" da non riuscire ad essere bucata. Per fortuna dopo 3-4 tentativi in cui armeggiava con lo spillone sulla mia vena, il chirurgo ha ben pensato di cambiare strategia ed optare per la giugulare. Quindi nuova puntura di anestesia, nuovo buco con l'ago, e piccolo punto di sutura in una zona lievemente più visibile dell'altra... Ma pazienza! In questo caso è andato tutto liscio, e dopo nemmeno mezz'ora ero fuori dalla sala operatoria. Finito l'effetto dell'anestesia, sono iniziati gli inevitabili dolori: sono comunque 7-8 punti di sutura, quelli per la tasca del serbatoio, ed è fisiologico che facciano male a poche ore dall'intervento. E' bastata una Tachipirina ed un po' di riposo, e a quasi 24 h dall'intervento mi sento molto meglio. I movimenti del braccio destro sono un po' limitati: le bende arrivano vicino alla piega dell'ascella e questo mi rende un po' difficile levare e mettere le maglie perché non riesco ad alzare completamente il braccio. Passerà, lo so, ma per ora è fastidioso.... 😕 Nota positiva: questo chirurgo, a differenza di quello che mi ha operato per la biopsia, ha avuto la benevolenza di non chiudere l'incisione come se fossi un vitello porchettato... Ha usato le suture intradermiche, che ovviamente renderanno la cicatrice molto meno visibile e meno "sollevata". Ora la parte è gonfia, ed è come se avessi una grossa noce sottopelle: quando i tessuti si saranno riassettati, e la zona si sarà sgonfiata, l'aggeggio dovrebbe essere molto poco visibile. Sono molto magra e questo, ovviamente, farà si che si noti lievemente di più... Ma me ne frega poco, perché INCROCIANDO LE DITA, per l'estate il peggio dovrebbe essere passato. E, se mai dovesse notarlo qualcuno, posso sempre raccontare di essere stata rapita dagli alieni che mi hanno impiantato un sofisticato chip sottocutaneo che mi da super-poteri!!! 😁
Passiamo alle buone notizie: ieri visita pre-terapia, che farò giovedì. I soliti neutrofili si danno per latitanti, quindi altra iniezione di fattore di crescita: sarà che sono stata a riposo per via dell'intervento, ma l'effetto tritacarne è stato pressoché assente questa volta. Nessun dolore insopportabile alle ossa... Meglio così! 
Sono impaziente di fare la terapia: Mr. Hodgkin TREMA! 😎